Menu
Mostra menu

6 Medaglie d'Oro al Merito della Sanità Pubblica

"Per il fecondo contributo dato dai Nuclei Antisofisticazioni (N.A.S.) nella lotta contro le frodi e le sofisticazioni alimentari in difesa dell'igiene e della salute pubblica".
D.P.R. 16 febbraio 1965.


"Per l'elevato contributo dato, attraverso l'attività degli speciali Nuclei Antidroga, nella lotta contro il traffico illecito degli stupefacenti e delle sostanze psicotrope, operando nel rispetto delle gloriose tradizioni con severo, costante impegno ed infrenando la dilagante diffusione del grave fenomeno sull' intero territorio nazionale".
D.P.R. 23 novembre 1978.


"Salda nella sua articolata e qualificata presenza sul territorio e fedele al retaggio dei più alti valori di lealtà e di suprema dedizione alla Patria, l'Arma dei Carabinieri, con diuturno ed appassionato impegno, anche in difesa della salute pubblica, assicurava mirabili prove di somma perizia con risultati di eccezionale rilievo nella difficile attività di contrasto al crimine in danno del servizio sanitario nazionale e di tutela dell'igiene e genuinità alimentare".
D.P.R. 17 febbraio 1993.


"Sicuro presidio a tutela della collettività, l'Arma dei Carabinieri con le proprie unità specializzate e con tutti i suoi reparti territoriali, offriva eccezionale prova di suprema dedizione e altissima professioanalità per garantire la quotidiana salvaguardia della salute pubblica e per fronteggiare emergenti situazioni di grave rischio sanitario che avevano procurato vivo e diffuso allarme sociale".
Territorio Nazionale 1993 - 2001.
D.P.R. 15 maggio 2001.


"Per l'incessante impegno, l'abnegazione e l'alta professionalità che, attraverso una difficile attività di prevenzione e di contrasto, condotta dalle Unità Specializzate, hanno permesso il conseguimento di decisivi risultati anche nelle gravi e delicate emergenze sanitarie offrendo un costante e prezioso apporto per la tutela dei cittadini e la salvaguardia della salute pubblica su tutto il territorio Nazionale, in Albania, e in Spagna, dove hanno operato in situazioni di disagio, conseguendo profonda gratitudine e ammirazione.
D.P.R. 2 aprile 2003.


"Per il totale ed insostituibile contributo offerto nell’attività di tutela e salvaguardia della sanità pubblica su tutto il territorio nazionale, quali il contrasto alla diffusione delle sostanze stupefacenti e dopanti, nonché nella protezione dei diritti dei più deboli".
Territorio nazionale
D.P.R. 19 settembre 2006