Menu
Mostra menu

Cinema e tv

una scena di Amarcord di Federico Fellini, con un carabiniere in primo pianoNei primi anni Settanta il cinema e la televisione raccontarono molte storie nelle quali i Carabinieri svolgevano un ruolo importante. Va citato, innanzitutto, il Salvo D’Acquisto di Romolo Guerrieri, interpretato da Massimo Ranieri, nei panni dell’eroico vice brigadiere di Palidoro, che sacrificò se stesso per salvare la vita di 22 innocenti, catturati dai tedeschi per rappresaglia, dopo un attentato del giorno prima nel quale erano morti due soldati tedeschi e altri due erano rimasti feriti. Meritano una citazione anche Gente di rispetto (regia di Luigi Zampa), Libera amore mio (Mauro Bolognini), Il Sole nella pelle (con Ornella Muti, regia di Giorgio Stegani) e Amarcord (il capolavoro di Federico Fellini nel quale, in epoca fascista, comparivano alcuni carabinieri).

Più corposa e significativa la produzione televisiva, con lo sceneggiato a puntate (tratto da un’opera di Mario Soldati) I racconti del Maresciallo, con Turi Ferro come interprete principale, per la regia di Mario Landi, Le avventure di Pinocchio (regia di Luigi Comencini, con Nino Manfredi), Il picciotto (regia di Alberto Negrin).