Menu
Mostra menu

Garibaldi in guerra

Giuseppe GarbaldiL'8 maggio 1859 Giuseppe Garibaldi fu chiamato dal re Vittorio Emanuele nel quartier generale di San Salvatore. «Egli mi ricevette benevolmente», scrisse l'eroe nelle Memorie: «mi diede delle istruzioni, e delle facoltà larghissime per recarmi a coprire la capitale, mentre vi potesse esser pericolo d'un assalto imprevisto del nemico, e portarmi, una volta quel pericolo svanito, sulla destra dell'esercito austriaco per incomodarlo». Tre mesi prima Garibaldi era stato ricevuto a Torino da Cavour, che lo aveva messo al corrente dei preparativi della guerra, prospettandogli un ruolo nell'apparato militare piemontese. 
Ma la direzione e l'organizzazione dei corpi di volontari fu affidata al generale Cialdini, e Garibaldi ebbe motivo di sentirsi mortificato: «Garibaldi dovea far capolino, comparire, e non comparire», scrisse. Doveva «nascondersi per non dare ombra alla diplomazia». L'anno successivo l'atteggiamento del governo non cambiò: a Torino si sperava che la Spedizione dei Mille andasse a buon fine, ma non ci fu mai un riconoscimento esplicito.