Menu
Mostra menu

Il nuovo Comandante Generale

Fabrizio Lazari Comandante Generale del Corpo dei Carabinieri Reali da gennaio a ottobre 1848Il 1° gennaio 1848 fu nominato Comandante Generale dell'Arma il conte Fabrizio Lazari. Un biografo (Paolo Boselli) ne tracciò, nel 1925, questo ritratto: «Lontano da quel solito costume, onde i ministri dei principi assoluti si pongono barriera fra Re e sudditi, perché non corra tra loro scambievole intelligenza ed amore, il conte Lazari studiò sempre di cementare la confidenza del Sovrano nel popolo, del quale egli conosceva ed asseriva la saggezza e la fedeltà ad ogni retto principio e le profonde abitudini d'ordine e l'istinto antico del dovere». Lazari era un uomo al passo con i tempi, con alle spalle una straordinaria carriera militare, che godeva della fiducia personale di Carlo Alberto, il quale ne apprezzava in primo luogo la moderazione e il buonsenso. 
Un giornale dell'epoca, commentando una circolare trasmessa da Lazari, sottolineò implicitamente quanto egli fosse aperto ai sentimenti patriottici che si stavano diffondendo nel Regno. «Il tono di quella notificazione», sottolineava il giornale, «è urbano e conveniente: e noi sinceramente l'approviamo. Noi altri liberali moderati, amici d'Italia e de' suoi principi riformatori, abbiamo grandissimo interesse al mantenimento della pace, e chiamiam traditore chiunque si adopera a provocare tumulti e disordini. Si sottintende però che nel biasimare i clamori e le dimostrazioni intempestive, noi non intendiamo disapprovare le dimostrazioni oneste e pacate fatte da gente onesta e pacata: dal chiasso inutile all'inerzia, al silenzio assoluto corre gran divario». Questo brano testimonia come si stessero saldando i rapporti fra l'opinione pubblica moderata (che sarebbe stata l'anima del Risorgimento) e le istituzioni. Quelle piemontesi, almeno. Il sovrano, ma anche l'Arma dei Carabinieri, che nel Risorgimento avrebbe svolto un ruolo importante e positivo, sui fronti di guerra come nel consueto lavoro al servizio dei cittadini, non più sudditi.