Menu
Mostra menu

Codotto e Maronese

Enea CodottoLuigi MaroneseLa sera del 5 febbraio 1981 la pattuglia del locale Nucleo Operativo e Radiomobile con a bordo l’appuntato Enea Codotto di 25 anni e il carabiniere Luigi Maronese di 23, avvertita dalla chiamata di un cittadino, si portò nei pressi del canale Scaricatore, nel quartiere Bassanello, alla periferia di Padova. Arrivati sul posto, i due sorpresero alcuni militanti dei Nar (un gruppo terroristico neofascista) che tentavano di recuperare un borsone di armi precedentemente nascoste nel letto del canale. Scoperto dai militi, il gruppo (composto dai fratelli Cristiano e Valerio Fioravanti, Francesca Mambro, Gilberto Cavallini, Giorgio Vale e Gabriele De Francisci) ingaggiò un violento conflitto a fuoco con gli agenti, colpendoli a morte. Prima di essere uccisi, i carabinieri riuscirono a loro volta a colpire il leader del gruppo, Valerio Fioravanti, che, gravemente ferito ad entrambe le gambe, fu arrestato. Codotto e Maronese furono insigniti di Medaglia d’oro al valor militare alla memoria.