Menu
Mostra menu

Le attività del nucleo

Approfondimenti
il capolavoro rinascimentale, dai critici accostato alla leonardesca Gioconda per lo sguardo enigmatico della donna ritratta e per la sua posizione, fu trafugato dalla Galleria Nazionale delle Marche nel 1975, per essere poi recuperato l’anno successivo dagli uomini dell’Arma, al termine di una brillante operazione condotta tra l’Italia e la SvizzeraIl Comando Carabinieri Ministero Pubblica Istruzione - Nucleo Tutela Patrimonio Artistico fu istituito il 3 maggio 1969, allorché il Comando Generale dell’Arma, per iniziativa del Capo di Stato Maggiore pro-tempore, generale C.A. Arnaldo Ferrara, determinò di costituire, presso il Ministero della Pubblica Istruzione e d’intesa con questo, il Nucleo Tutela Patrimonio Artistico. Ad esso, all’ottobre successivo, furono indirizzate tutte le segnalazioni concernenti il trafugamento e gli illeciti commerci di opere d’arte.

Il 13 settembre 1971 il reparto, denominato Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Artistico, fu elevato a Comando di Corpo, con alle dipendenze il Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Artistico, ed il 5 marzo 1973 fu inglobato nell’Ispettorato Scuole e Unità Speciali Carabinieri, ferme restando le dipendenze funzionali dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Il 10 febbraio 1975, con l’istituzione del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Artistico passò alle dipendenze funzionali dei nuovo dicastero, mentre quelle d’impiego furono successivamente devolute alla XII Brigata di Roma, di nuova istituzione. La sua forza organica fu stabilita, in data 4 agosto 1981, in 4 ufficiali, 19 sottufficiali e 20 militari di truppa e dal 12 dicembre 1994 in 5 ufficiali, 76 sottufficiali e 64 fra appuntati e carabinieri, per un totale di 145 unità.

Dal 1970 ad oggi, su oltre 400mila oggetti trafugati, l’Arma ne ha recuperati quasi 140mila, grazie anche all’affiancamento dei reparti territoriali. Gli arresti sono stati quasi 3mila, oltre 7mila le persone denunciate a piede libero. Per il complesso delle attività svolte, il Presidente della Repubblica, con decreto 1° giugno 1981, ha conferito alla Bandiera dell’Arma la Medaglia d’Oro ai Benemeriti della Scuola, della Cultura e dell’Arte.