Menu
Mostra menu

L'alluvione del 1977 e la stagione dei sequestri

Approfondimenti
carabinieri impegnati nella rimozione delle macerie dopo l’alluvione che colpì la Liguria, il Piemonte e la Valle d’Aosta nell’ottobre del 1977Nella notte fra il 6 e il 7 ottobre 1977, una drammatica alluvione colpì l’Italia del Nord, producendo i danni maggiori in Liguria, nel Piemonte e nella Valle d’Aosta. Molti fiumi e torrenti esondarono, travolgendo case e capannoni e provocando gravi danni anche alle infrastrutture. I carabinieri, grazie anche alla loro capillare struttura, furono i primi a intervenire per prestare soccorso alle popolazioni e per prevenire danni ulteriori.
In quegli stessi anni, l’Arma intervenne anche per sottrarre ai rapitori alcune vittime di sequestri di persona. Nell’aprile del 1976, i Carabinieri liberarono a Milano l’imprenditore Carlo Alberghini, da due mesi in mano a un’anonima sequestri. Il 14 dicembre, sull’Aspromonte (dopo un violento conflitto a fuoco), lo studente Domenico Zerbi, rapito tre mesi prima.