Menu
Mostra menu

Il Bilancio della guerra

Nella lotta partigiana e nelle azioni di rappresaglia naziste l’Arma ebbe 2.735 caduti e 6.521 feriti. Fra le vittime, va ricordato (oltre ai dodici militi martiri delle Fosse Ardeatine, e ai tre carabinieri consegnatisi a Fiesole in cambio della liberazione degli ostaggi civili, e fucilati il 12 agosto 1944) il tenente Luigi Giarnieri, impiccato dai nazisti a Crespano del Grappa, in provincia di Treviso, il 24 settembre 1944, e i tanti, tantissimi militi dell’Arma che scelsero la Resistenza e sacrificarono la loro vita. 
Trentadue Carabinieri furono insigniti di Medaglia d’oro al valor militare, 139 ebbero la Medaglia d’argento, 224 la Medaglia di bronzo. Altri 361 ottennero la Croce di guerra al valor militare. Due tenenti colonnelli (Luigi Venerandi e Attilio Venosta) furono insigniti della Croce di Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia.