Menu
Mostra menu

Angelo Cerica

generale Angelo CericaIl 23 luglio 1943 (due giorni prima del voto del Gran Consiglio che rovesciò Mussolini), il generale Angelo Cerica fu nominato Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri. Il suo primo compito fu quello di organizzare l’arresto del Duce. Fra il 1940 e il 1941 Cerica aveva coperto il ruolo di comandante superiore dei Carabinieri del Corpo di spedizione nell’Africa Orientale e Settentrionale, e poi di comandante della Brigata di Roma. Dopo l’armistizio dette ordine ai militi dell’Arma di restare al proprio posto e garantire la continuità del servizio.

Il 9 settembre combatté contro i tedeschi sulla via Ostiense con un battaglione di allievi carabinieri. Il 13 settembre, ricercato dai nazisti, si rifugiò nelle montagne abruzzesi, dove per nove mesi partecipò alla resistenza partigiana. Nel 1945 a Firenze, incaricato dal ministro della Guerra Alessandro Casati, comandò la delegazione dello Stato Maggiore e diresse la lotta di liberazione contro i tedeschi. Ricevette dal presidente degli Stati Uniti Harry Truman la Medal for Freedom Silver Palm.