Menu
Mostra menu

Non tutti sanno che...

RIMONTA

Nella terminologia militare la "rimonta" ha tre significati: compera dei puledri vigorosi da sella o da tiro; scarto dei cavalli vecchi, viziosi o inetti; tempo di effettuazione che di solito è l'autunno. Essa costituisce pertanto il "reclutamento" dei quadrupedi da combattimento, da traino e da trasporto occorrenti alle forze armate e presenta due aspetti: - quello tecnico della necessità di scegliere buoni riproduttori, indigeni o stranieri, e di sviluppare in tal modo buone razze favorendo l'iniziativa privata nelle regioni agricole più adatte alla produzione equina; -quello economico, inteso ad assicurare alle Forze Armate la costante autosufficienza dell'approvvigionamento.
Oggi si mantiene in vigore solamente la rimonta annuale, detta "ordinaria" poiché la meccanizzazione dei reparti dell'esercito e l'incremento della produzione di equini da traino e da trasporto hanno raggiunto così ampio sviluppo da rendere pressoché superfluo il ricorso alla rimonta "straordinaria", un tempo imposta dal caso di mobilitazione, eventualità da fronteggiare con i provvedimenti sostitutivi della rimonta, quali la precettazione e la requisizione.