Menu
Mostra menu

Non tutti sanno che...

NEGRI DI SANFRONT ALESSANDRO

Maggiore Alessandro Negri di Sanfront, comandante dei tre Squadroni della carica di Pastrengo.Maggiore dei Carabinieri (Ponzone, Alessandria, 11 febbraio 1804 - Chiavari, Genova, 25 febbraio 1884). Il 9 marzo 1823 fu destinato, appena promosso sottotenente, al Battaglione Cacciatori della Regina, dal quale passò al Reggimento Cavalleggeri Piemonte, poi a quello di Novara Cavalleria. Dopo avere prestato servizio come capitano nel Savoia Cavalleria, il 26 maggio 1846 fece ritorno, in seguito alla promozione a maggiore, al Reggimento Novara Cavalleria. Il 15 agosto 1848 fu trasferito nel Corpo dei Carabinieri per assumere il comando degli Squadroni Carabinieri mobilitati per la 1^ Guerra d'Indipendenza (1848-1849) ed assegnati al Quartier Generale dell'Esercito sardo-piemontese per servire di scorta e di protezione al re. I tre Squadroni, della forza complessiva di 280 uomini, si distinsero il 30 aprile 1848 per la vittoriosa irruenza della loro carica a Pastrengo e nel corso di altre operazioni di quella campagna, procurando alla Bandiera dell'Arma la prima Medaglia d'Argento al Valor Militare (v. Pastrengo) e due Medaglie di Bronzo al Valor Militare.

Il maggiore Negri di Sanfront fu insignito delle seguenti decorazioni al:

  • Medaglia d'Argento al Valor Militare - "In considerazione del contegno tenuto dinanzi al nemico, nella campagna di guerra del 1848".

  • Medaglia di Bronzo al Valor Militare - "Si distinse nei fatti d'armi del 24 e 25 luglio e 4 agosto 1848, fuori delle porte di Milano e nell'incominciato assedio di Peschiera".

Venne inoltre insignito della Croce di Cavaliere dell'Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro - "Per il lodevole servizio prestato quale Comandante dei tre Squadroni Carabinieri".

Promosso colonnello di Cavalleria, fu preposto al comando del Reggimento Cavalleggeri lombardi e divenne aiutante di campo del Re. Ricoprì il grado di maggiore generale nel 1859, poi quello di tenente generale nel 1862. Venne collocato a riposo il 1° settembre 1865.