Menu
Mostra menu

Non tutti sanno che...

MEDAGLIA MAURIZIANA AL MERITO DI DIECI LUSTRI DI CARRIERA MILITARE

Medaglia Mauriziana.Con "Sovrane Magistrali Patenti" dei 19 luglio 1839, venne istituita la "Medaglia Mauriziana pel Merito Militare di dieci lustri": d'oro, con l'effige di San Maurizio, protettore delle Regie Armi, era di due dimensioni; una, maggiore, per gli ufficiali generali, che veniva portata appesa a guisa di collana, l'altra, più piccola, per gli ufficiali superiori ed inferiori, che veniva appesa con piccolo nastro verde all'occhiello dell'abito.

Potevano aspirare al conseguimento di tale medaglia i soli ufficiali decorati dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro che "si trovavano in effettivo militare servizio dopo cinquant'anni di meritevole carriera militare", rivolgendone domanda, corredata dello stato di servizio, al Primo Segretario del Gran Magistero dell'Ordine.

Con decreto del 21 dicembre 1924 il re Vittorio Emanuele III allo scopo di riunire e coordinare le disposizioni che si erano aggiunte, nel tempo, modificando o abrogando in parte le norme contenute nelle Patenti del 19 luglio 1839, approvò un "Testo Unico contenente norme e disposizioni riguardanti la concessione della Medaglia Mauriziana".

Il "Testo Unico" in particolare, non limitava più ai soli decorati dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro la concessione della Medaglia; apportava innovazioni circa il computo del servizio prestato per il raggiungimento dei cinquant'anni (un anno di abbuono per ogni campagna di guerra ed una aggiunta del 25% del tempo trascorso al comando di reparto) e prevedeva la coniazione di un nuovo tipo di Medaglia Mauriziana in bronzo da consegnare a tutti i decorati dopo la guerra del 1915-1918.

Leggi successive (7 maggio 1954, n. 203, 19 marzo 1955, n. 470, e 8 novembre 1956, n. 1327) hanno:

  • cambiato la denominazione in "Medaglia Mauriziana al Merito di dieci lustri di carriera militare";

  • disposto la coniatura della Medaglia in oro;

  • esteso l'onorificenza anche ai sottufficiali.