Menu
Mostra menu

Non tutti sanno che...

MEDAGLIA D'ORO, D'ARGENTO E DI BRONZO AL MILITARE

Medaglia d'Oro al Valor Militare (periodo monarchico). Le Medaglie d'Oro e d'Argento al Valor Militare vennero istituite da Vittorio Amedeo III di Savoia il 21 maggio 1793 e soppresse nell'agosto 1815 con la creazione dell'Ordine Militare di Savoia da parte di Vittorio Emanuele I, che le sostituì rispettivamente con la decorazione di Cavaliere e di Milite dello stesso Ordine Militare di Savoia.

Medaglia d'Argento al Valor Militare (periodo monarchico).La concessione della Medaglia d'Oro e d'Argento al Valor Militare venne ristabilita con Regio Viglietto del 26 marzo 1833 da re Carlo Alberto per premiare le bandiere dei Corpi e le azioni di segnalato valore dei militari di ogni grado delle armate di terra e di mare che non potessero ottenere l'Ordine Militare di Savoia per la severità del suo Statuto.

Medaglia di Bronzo al Valor Militare (periodo monarchico).Con R.D. 8 dicembre 1887 Umberto I istituì la Medaglia di Bronzo al Valor Militare, destinandola a sostituire la Menzione Onorevole al Valor Militare.

Medaglia d'Oro al Valor Militare (periodo repubblicano).La prima Medaglia d'Oro al Valor Militare dell'Esercito sardo-piemontese, e quindi dell'Esercito italiano, venne assegnata alla Memoria del carabiniere a cavallo Giovan Battista Scapaccino per l'atto di eroismo compiuto il 3 febbraio 1834 a Les Echelles, allorché, atteso da una banda di fuorusciti invasori che gli intimavano di gridare "Viva la Repubblica" preferì la morte al disonore rispondendo con il grido di "Viva il Re!".

Tra i primi ad essere fregiati della Medaglia d'Argento al Valor Militare furono i carabinieri a cavallo Bobbio 2° Feliciano e Gandini 2° Carlo distintisi individualmente nella stessa circostanza per intrepida azione.

Medaglia d'Argento al Valor Militare (periodo repubblicano).I soprassoldi relativi alle Medaglie d'Oro, d'Argento e di Bronzo al Valor Militare sono stati regolati da varie disposizioni di legge, tra le quali ricordiamo le seguenti per il loro succedersi più vicino all'attualità:

  • legge 17 marzo 1953 n. 259;

  • legge 5 marzo 1961 n. 212, che sostituì la denominazione assegno a quella di soprassoldo, stabilendo annualmente L. 60.000 per la Medaglia d'Oro, L. 18.750 per la Medaglia d'Argento, L. 7.500 per la Medaglia di Bronzo;

  • legge 30 ottobre 1969 n. 831: assegno straordinario a vita di L. (non indicato) per la Medaglia d'Oro, di L. 80.000 per la Medaglia d'Argento, L. 30.000 per la Medaglia di Bronzo, L. 20.000 per la Croce di Guerra al Valor Militare (ammessa all'assegno straordinario dall'art. 3 della citata legge 5 marzo 1961).

Medaglia di Bronzo al Valor Militare (periodo repubblicano).Gli assegni attuali sono stati regolati dalla legge n. 342 dei 1989. All'atto dell'istituzione delle Medaglie d'Oro e d'Argento al Valor Militare (26 marzo 1833) il soprassoldo relativo annuo era di lire 100 e 50, portato rispettivamente a L. 200 e 100 con la legge 31 dicembre 1848 a firma Carlo Alberto.