Menu
Mostra menu

Non tutti sanno che...

CORRISPONDENZA (Carteggio)


L'incontro di corrispondenza illustrato in due cartoline dell'inizio del secolo.La corrispondenza tra gli uffici dell'Arma ricevette le sue prime norme nel Regolamento Generale del Corpo dei Carabinieri edito nel 1822 e precisamente:

... "Art. 434: La corrispondenza, ossia carteggio deve né essere troppo laconica, né prolissa. Lo studio principale di chi scrive è di esprimere colla maggior chiarezza di stile e di carattere le circostanze importanti del soggetto, prescindendo da ogni superfluo dettaglio, e da qualunque ripetizione. Il metodo adottato per la corrispondenza d'uffizio esclude ogni preambolo, ed ogni complimento tanto nel corso della lettera, quanto nella chiusa; il modo di esprimersi vuol essere dignitoso, sempre rispettoso ed adattato al personaggio con cui si corrisponde.

Art. 435: Le lettere d'uffizio devono essere scritte in colonna; presentare in capo la data, la residenza dello scrivente ed un numero progressivo d'ordine; la firma è composta del nome, cognome, e grado, e del numero particolare per quei Bass'Uffiziali e Carabinieri ai quali ne fu assegnato.
Ogni lettera deve trattare di un solo affare, e contenere in margine l'indicazione del soggetto.

L'incontro di corrispondenza illustrato in due cartoline dell'inizio del secolo.Qualora la lettera trovisi relativa ad un affare antecedente dovrà riepilogare in poche parole l'oggetto, indicarne il numero e la data.
Nei rapporti d'un inferiore ad un superiore, devesi sempre far menzione delle altre simili spedizioni, che ne fossero state contemporaneamente fatte.
L'indirizzo della lettera comprenderà puramente il grado o carica della persona a cui si scrive.
Le lettere confidenziali sono distinte colle parole a lui solo (...)"
.

Successivamente venne regolata dalle disposizioni emanate di volta in volta dal Comando Generale. Il primo testo completo ed organico delle norme sul carteggio tra gli uffici dell'Arma, tra questi e le autorità civili e militari apparve nel volume, edito nel 1940, intitolato "Istruzione sul carteggio" (v.).