Menu
Mostra menu
  • >
  • Arma
    >
  • Curiosità
    >
  • Non tutti sanno che...
    >
  • C
    >

Non tutti sanno che...

CINEMA (Carabinieri nel Cinema)

Carlo Verdone interprete de "I due Carabinieri".Istituito Carabinieri "anche" nel Cinema, come nell'Arte, nella Storia, nella Letteratura e nella Cronaca, perché essi sono una componente essenziale della società italiana e nessuna espressione artistica può ignorarne la presenza. Poche figure, infatti, sono così profondamente legate, quanto il Carabiniere, non soltanto al colore della vita locale, ma al tessuto stesso delle manifestazioni più rappresentative del nostro Paese.

Enrico Montesano interprete de "I due Carabinieri".Il Cinema in più occasioni lo ha riscontrato in modo puntuale e vivo, non già riproponendo i luoghi comuni dell'atmosfera, del paesaggio urbano o delle campagne, ma risvegliando e ricostruendo un personaggio essenzialmente "popolare", di cui ha reso l'immagine, sfiorata o approfondita, sempre con serietà e rispetto; e quando la comicità ha voluto impadronirsene, il risultato è stato sempre di un sereno e robusto umorismo, che non trascurava mai la qualità umana dei personaggi ed il loro più schietto ed autentico inserimento nella società.

Gina Lollobrigida e Vittorio De Sica in "Pane, Amore e Gelosia".Fra i films che hanno avuto maggior successo grazie alla figura del Carabiniere basterà ricordare "Pane, amore e gelosia" e "Pane, amore e fantasia" entrambi di Luigi Comencini, con Gina Lollobrigida e Vittorio De Sica, impareggiabile maresciallo. Seguì poi "Pane, amore e..." di Vittorio De Sica, sempre con De Sica, affiancato questa volta nientemeno che da Sofia Loren.

Ma non soltanto a films ispirati alla commedia all'italiana i Carabinieri hanno prestato la loro figura; d'ispirazione drammatica vanno ricordati "Fontamara" di Carlo Lizzani, "L'eredità della priora" di Anton Giulio Majano, Scena del film "Il prefetto di ferro" di Pasquale Squittieri, con Claudia Cardinale e Giuliano Gemma."Il Prefetto di ferro" di Pasquale Squittieri con Claudia Cardinale e Giuliano Gemma, "Il giorno della civetta" di Damiano Damiani ancora con Claudia Cardinale e con Franco Nero, "La fiamma che non si spegne" di Vittorio Cottafavi con Leonardo Cortese e Gino Cervi, ispirato alla tragica quanto eroica vicenda di Salvo D'Acquisto.

Nino Manfredi, nel ruolo di un colonnello ne "Il Tenente dei Carabinieri".Più recentemente attori come Nino Manfredi ed Enrico Montesano hanno dato vita a personaggi di grande rilievo umano, per non parlare del grande Totò che impersonò un falso maresciallo, assumendone al momento giusto i comportamenti severi e dignitosi propri di un vero sottufficiale dell'Arma.

La televisione, anche, non poteva ignorare i Carabinieri, così venne una prima serie ispirata a "I racconti del Maresciallo" di Mario Soldati, per la regia di Mario Landi. Gigi Proietti, il popolare maresciallo Rocca.

Una seconda serie, abbastanza recente, è stata interpretata da Arnoldo Foà con la regia di Giovanni Soldati. Infine, quella di maggiore attualità, la fortunata serie del "Maresciallo Rocca" diretta da Giorgio Capitani, con Gigi Proietti e Stefania Sandrelli.

La serie ha fatto registrare indici mai raggiunti dalla televisione di Stato, sia per gradimento che per numero di spettatori.