Menu
Mostra menu
  • >
  • Arma
    >
  • Curiosità
    >
  • Non tutti sanno che...
    >
  • C
    >

Non tutti sanno che...

CALZE

Con questo nome vennero indicati i primi pantaloni estivi dei Carabinieri tagliati in tela color giallo chiaro chiamata nanchino (dal francese nankin). Si legge infatti sul "Regolamento per le uniformi" emanato l'8 novembre 1814 "...Nei mesi d'estate i carabinieri potranno provvedersi di calze di nanchino naturale... e queste dovranno pure essere uniformi nel taglio e nella lunghezza a quelle di lana".
Le calze usate nei mesi non estivi erano così stabilite nello stesso Regolamento: "...dovranno essere tagliate nel modo così detto pantaloni, assai larghe sul ginocchio, affinché il Soldato sia libero nel camminare: esse saranno abbottonate sotto il pieno della gamba con due piccoli bottoni ed avranno la cintola alta; saranno di stoffa di lana color turchino ..".
Con il "Regolamento di disciplina e di servizio interno" del 30 giugno 1815 (Capo II - Servizio interno) il termine calze venne sostituito da quello di pantaloni per i militari della specialità a piedi e da quello di charivary per quelli della specialità a cavallo, designati allora genericamente con il termine "cavalleria"(v. Uniforme).