Menu
Mostra menu
  • >
  • Arma
    >
  • Curiosità
    >
  • Non tutti sanno che...
    >
  • B
    >

Non tutti sanno che...

BASCO

Basco in tessuto di lana per reparti mobili, in dotazione dal 1972.Copricapo speciale adottato con il Foglio d'Ordini del Ministero della Difesa-Esercito in data 15 gennaio 1953 per gli ufficiali, i sottufficiali e militari di truppa dell'Arma dei Carabinieri nei servizi su mezzi corazzati (basco di panno turchino) e per sottufficiali e militari di truppa dell'Arma stessa del reparto paracadutisti (basco di colore kaki).

Con circolare del Comando Generale dell'Arma n. 449/16 di prot. 1953 in data 6 agosto 1956 venne adottata una bustina di tela per i reparti d'istruzione ed esteso ai reparti mobili (Battaglioni e Nuclei autocarrati) l'uso del basco di panno turchino con l'uniforme di marcia o durante le esercitazioni, i campi e le manovre.

Basco per carabinieri paracadutisti in uso dal 1967.Nelle altre Armi dell'Esercito - Foglio d'Ordini dei Ministero della Difesa-Esercito del 15 maggio 1952 - era in uso il berretto - basco di panno nero per reparti vari (corazzati, blindati, lagunari, btg. "San Marco" etc.) e di panno o tela kaki per la Divisione paracadutisti "Folgore" e il personale dei Centro di paracadutismo.

Con circolare n. 993 del Giornale Militare 1968 venne prescritto per i militari dell'Arma dei Carabinieri un nuovo tipo di basco turchino di tessuto di lana a maglia con gala, eguale nella foggia a quello delle truppe paracadutiste, stabilendo: "viene calzato con l'alluda orizzontale e la parte superiore inclinata a destra; ha il fregio applicato sulla regione temporale sinistra; è privo di gradi".

D'allora l'uso del basco si è venuto allargando mutando in colore amaranto il basco di tutti i paracadutisti.