Menu
Mostra menu

Non tutti sanno che...

ARMA E DOVERE

Periodico venuto alla luce il 23 giugno 1932 a Roma quale organo della Federazione Nazionale dei Carabinieri in congedo.
Diretto inizialmente dall'avvocato Luigi Ronchi, membro del "Direttorio" della Federazione, il giornale passò, poi, sotto la direzione del generale Balduino Caprini, Presidente del Direttorio stesso, collaborato, quale vice e responsabile, dal capitano Vincenzo Cujuli.

La pubblicazione aveva una periodicità decadale, uscendo il 3, il 13 ed il 23 di ogni mese; ma, come avvertiva un avviso inserito sul periodico stesso, l'uscita era subordinata alla pubblicazione del "Foglio d'ordini" del Comando Generale, che ARMA E DOVERE riproduceva integralmente. Direzione e amministrazione erano a Roma, prima al n. 43 di via Federico Cesi e poi presso la sede della Federazione al Lungotevere Mellini; la stampa era curata dallo stabilimento tipografico Ferri, di via delle Coppelle 15.

Sul primo numero Luigi Ronchi così spiegava il titolo del nuovo periodico:

«Un titolo: "ARMA E DOVERE". Si è chiamato così questo giornale, perché Arma vuol dire tanto l'Arma dei Carabinieri, quanto l'attributo necessario del militare. Dovere è la caratteristica principale dell'Arma nostra, in quanto, insieme all'eroismo e ad altre virtù militari, ne è la fulgida dote. Dovere che si esplica anche nelle opere di pace, e che simbolizza la giustizia, la saggezza, un elevato spirito di sacrificio ... ».

"ARMA E DOVERE" ospitava, nelle sue sei pagine (formato quotidiano), articoli storici, cronache dell'attività delle varie Associazioni di carabinieri in congedo, novelle, nonché notizie ufficiali riguardanti il personale sia in servizio che in congedo (promozioni, concessione di encomi, onorificenze, etc.). Di particolare interesse storico la cronaca della cerimonia svoltasi il 24 maggio 1932 all'Altare della Patria, quando l'Arma dei Carabinieri, dopo un decennio, cedette alla Fanteria l'onore della guardia al Milite Ignoto.

"ARMA E DOVERE" cessò le pubblicazioni con il numero del 25 marzo 1934.