Menu
Mostra menu

Il Fagiolo Magico

Il Fagiolo Magico

In una casetta di pietra vivevano, molti e poi molti anni fa, una povera vedova e il suo unico figlio, che si chiamava Giacomino. Non possedevano che una mucca. La mucca dava loro ogni giorno una certa quantità di latte, e con la vendita del latte i due campavano, seppure miseramente.

Ma la mucca invecchiava, e allora la vedova l'affidò al figlio perché la portasse al mercato, dove avrebbe potuto venderla.

Lungo la strada, Giacomino s'imbatté in un viandante, un tipo curioso, che propose al giovane un baratto.

"Stammi bene a sentire", disse. "Se mi dai la tua mucca, io in cambio ti dò cinque fagioli magici. Decidi".

Giacomino ci rifletté su un bel po'. Non sapeva come comportarsi. Alla fine, attratto dalla supposta magia di quei fagioli, accettò: cedette la mucca ed ebbe i fagioli.

Giunto a casa, la madre si mise le mani nei capelli.

"Ma tu sei ammattito, figlio mio! E adesso con che cosa vivremo? Con i soldi avremmo comperato una mucca giovane, che ci avrebbe dato del buon latte fresco. Così invece siamo alla fame. Sciagurato ragazzo, non dovevo fidarmi di te!".

Incollerita, la donna afferrò i cinque fagioli e li fece volare fuori dalla finestra. Poi entrambi andarono a dormire, senza nemmeno cenare.

L'indomani, non appena Giacomino, alzatosi, andò alla finestra, scorse, nel punto in cui erano stati gettati i fagioli, una pianta gigantesca. Un fagiolo così alto che non se ne vedeva la cima.

"Allora quei fagioli erano magici davvero", pensò, "se in una sola notte hanno fatto crescere questa pianta smisurata. Voglio arrampicarmi per andare a vedere fin dove arriva".

Trovatosi al di sopra delle nuvole, Giacomino dette uno sguardo attorno, e vide un castello. Con precauzione si staccò dalla pianta, constatò che le nuvole reggevano il suo peso, procedendo su di esse si diresse al castello e vi entrò.

Mettevano un po' di paura l'androne, gli scaloni, le sale. Mentre egli s'incuriosiva nell'immaginare chi ne fosse il proprietario, si sentì dire da un vocione: "E tu che sei venuto a fare, qui? Chi sei?".

"Mi sono perso", mentì Giacomino, "ed è da ieri che non mangio. Sapeste che fame che ho!".

Il vocione apparteneva alla padrona di casa, che era un'orchessa, cioè la moglie d'un orco. Ma, mentre l'orco era un violento, lei era mite, e provò simpatia per il ragazzo che le stava di fronte.

Perciò si dette da fare: offrì a Giacomino del latte caldo, e dei buoni dolcetti con lo zucchero sopra. Ma ecco che, all'improvviso, la casa rintronò, e si udirono dei passi pesanti come quelli d'un elefante.

"Presto, nasconditi, è l'orco che sta arrivando", disse il donnone.

Mentre Giacomino trovava un rifugio, l'orco entrò dalla porta, mettendosi di traverso, sennò non ci sarebbe passato. Poi si stese su una poltrona larga quattro metri. Annusò, e sentì profumo di carne umana.

"Ci dev'essere un bambino, in questa casa", sbottò.

Dal forno dove si era rifugiato, Giacomino tremava di paura.

"Un bambino?", finse di stupirsi l'orchessa. "Tu straluni ogni giorno di più. Di che bambini e bambini vai cianciando? Stai diventando vecchio, mio caro". E intanto, per distrarre il consorte, gli mise davanti la cena, che consisteva in un capretto e in un barilotto di vino.

Fagiolo Magico - L'orco conta le monete d'oroSaziatosi, l'orco cominciò a contare monete d'oro, cavandole da due sacchi. Zecchini, marenghi, fiorini. Un vero tesoro. Conta e riconta, alla fine si addormentò.

Allora Giacomino sgusciò dal forno, e riempì un sacchetto di quelle monete. Poi tornò al fagiolo che lo aveva fatto salire fin là, vi si abbrancò e prese a discendere.

"Meno male che l'orchessa era andata a prepararsi il letto", pensava. "Altrimenti come avrei potuto fuggire, per di più con tutto questo denaro?".

Ai piedi della pianta, ecco la madre di Giacomino, piangente e preoccupata per l'assenza del figlio.

"Dove sei stato, dove? Vuoi proprio farmi morire d'angoscia?".

"Sono stato dove mi ha portato la pianta cresciuta dai fagioli magici. Ci credi, adesso, che erano magici?". E le mise davanti il bel gruzzolo sottratto nella casa dell'orco.

Con quelle monete, madre e figlio vissero finalmente senza problemi, almeno per un bel po'.

Fagiolo Magico - Giacomino si arrampica sul fagiolo magico con la gillina sotto il braccioMa anche se erano tante, le monete finirono. Perciò Giacomino decise di tornare ad arrampicarsi sul fagiolo, raggiungere il castello dell'orco e prenderne altre. Per non farsi scorgere dall'orchessa, di nuovo trovò rifugio nel forno.

Risuonarono fragorosi i passi dell'orco che, appena entrato, fiutò l'aria e fiutò la presenza d'un bambino.

E di nuovo la moglie a dirgli: "Ma è proprio una fissazione! Tu straluni sempre peggio. Bisognerà chiamare il medico, un giorno o l'altro".

Lo diceva convinta, l'orchessa, perché non aveva visto nessun forestiero da quelle parti. Così convinta, che l'orco si tranquillizzò e, cavatosi dall'enorme tasca del giaccone una gallina, si dette ad accarezzarla. Sotto quelle carezze, la gallina si accovacciò e fece, seduta stante, due uova d'oro.

"Se ce la faccio, me la porto via", pensava Giacomino dal suo nascondiglio. Così, non appena l'orco prese a russare, con un balzo afferrò la gallina e, tenendola ben stretta, dalla torre del castello balzò sulle nuvole e raggiunse la cima della pianta. Ma questa volta la fuga fu complicata.

"Al ladro, al ladro!", gridava infatti la gallina, starnazzando.

Per fortuna le foglie della pianta nascosero ben presto Giacomino dalla vista dell'orco che aveva cominciato a inseguirlo, e il ragazzo atterrò sano e salvo.

"Tutto lì?", si stupì la madre. "Solo una gallina gli hai portato via?".

"Aspetta".

Giacomino l'accarezzò, come aveva visto fare all'orco, e la gallina depose due uova d'oro massiccio.

"La nostra fortuna è fatta, ragazzo mio!", esclamò la madre.

"Lo so bene", rispose Giacomino, che era più in gamba di quanto lei supponesse.

Grazie alle uova d'oro, Giacomino poté ordinare la costruzione d'un palazzo, dove entrambi andarono ad abitare. Un palazzo nel cui interno furono disposti quadri, arazzi, argenterie, vasellami, e le cui porte non venivano mai chiuse. Tutti potevano entrarvi e ristorarsi, soprattutto i diseredati: perché Giacomino aveva buon cuore, e non dimenticava i tempi difficili della sua povertà.

Un triste giorno, però, la madre di Giacomino cadde ammalata, di un male che i medici non riuscivano a capire. Era come se non le importasse più di vivere. Aveva perduto il sorriso. Non provava entusiasmo per nulla. Inoltre rifiutava il cibo, e perciò deperiva, chiusa in una profonda malinconia.

Giacomino fece venire a palazzo clowns e giullari perché, con i loro giochi, con i loro scherzi, le risollevassero il morale. Ma non ci fu nulla da fare.

Decise allora di tornare nel castello dell'orco, sperando di trovarvi in qualche modo un rimedio. Si arrampicò di nuovo sul fagiolo, raggiunse il castello, e qui, senza farsi scorgere da nessuno, si rifugiò dentro una pentola e attese gli eventi.

Ed eccolo, l'orco, giungere con i suoi passi pesanti. Cenò, poi trasse da una cassapanca un'arpa magica, e lo strumento iniziò a suonare, da solo, una melodia dolcissima: così dolce che l'orco, dopo aver sorriso e poi riso di gusto, si addormentò.

Fagiolo Magico - L'arpaLesto, Giacomino scattò fuori dalla pentola, prese al volo l'arpa e fuggì verso il fagiolo per ridiscendere a terra.

Ma l'arpa non voleva saperne di lasciarsi rapire.

"Padrone, padrone!", gridava rivolta all'orco. "Svegliati. Mi stanno rubando!".

E Giacomino: "Zitta! Taci una buona volta. Ti porterò dove starai molto meglio di qui". E intanto correva. La pianta si avvicinava, però si avvicinava anche l'orco, che gli era quasi alle calcagna.

Come Dio volle, il ragazzo raggiunse prima la chioma, poi il fusto della pianta e, con il fiato grosso e il cuore che gli batteva forte, cominciò a scendere, a lasciarsi scivolare verso il basso.

Non aveva ancora toccato terra, che l'arpa si mise a suonare una nuova melodia, ancora più dolce. Ed ecco, per incanto, la madre di Giacomino sorridere, farsi incontro al figlio, abbracciarlo. Sembrava addirittura ringiovanita, ed era di sicuro guarita, grazie a quel suono.

Tuttavia Giacomino non ebbe tempo di rallegrarsi, perché s'accorse che la pianta oscillava. Oscillava sotto il peso dell'orco che, trovata la strada, scendeva a riprendersi l'arpa, e si può immaginare quanto fosse arrabbiato.

Non c'era un minuto da perdere. Giacomino corse a prendere una scure e vibrò contro il fagiolo molti colpi ben assestati. Gli stivaloni dell'orco erano già in vista, quando la pianta cedette, trascinando l'orco in un burrone. Inutilmente l'orchessa lo cercò per ogni dove: si era sfracellato.

E Giacomino? Giacomino seguitò a vivere felice e contento. Con sua madre, l'arpa e la gallina.