Menu
Mostra menu

Carabinieri nell'arte

Da ormai quasi due secoli la Nazione Italiana è permeata dalla presenza costante di una istituzione, l'Arma dei Carabinieri. Questa presenza è tanto caratterizzante da costituire uno degli elementi della cultura italiana, intendendo il termine nel suo moderno significato antropologico.
'Carabinieri a cavallo' (1985). Tempera su cartone, cm.45x30, Ninni Verga (1932 - vivente). Proprietà del Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri, Roma.

Naturalmente anche la cultura intesa in senso tradizionale, come somma di studi e di attività letterarie ed artistiche o, più in generale, umanistiche, si è sempre interessata all'Arma. Questo interesse ha avuto ed ha oscillazioni qualitative amplissime, andando da una visione del Carabiniere come elemento caratteristico del paesaggio ai più approfonditi esami di carattere storico - politico. Una costante è certamente l'aspetto di "simpatia" e di rispetto popolare che tutti riconoscono all'Arma Benemerita (appunto).

Che gli artisti, oltre i poeti e gli scrittori (per rimanere nel campo della creatività) si siano interessati dell'Arma dei Carabinieri è tanto logico ed ovvio che sarebbe stato ben strano il contrario. Tutto questo ha generato una vastissima produzione in cui i Carabinieri entrano a vario titolo e con vari ruoli, spesso da protagonisti. Non ci sembra inutile, per aiutare gli studiosi ed i critici d'Arte tentare di classificare le opere d'arte fatte in tanti anni.
Un primo criterio di ordinamento possibile è relativo ad una catalogazione in senso strettamente artistico, come l'appartenenza ad una qualche corrente o bottega precisa come il Neoclassicismo, il Romanticismo, l'Impressionismo o perfino, più tardi, il Futurismo o l'Impressionismo astratto.

'La carica di Grenoble' (6 luglio 1815). Olio su tela, cm. 108,5x148, di Alberto Spagnoli (1908 - 1977). Proprietà del Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri, Roma.

Un secondo criterio, più interessante da un punto di vista storico, si riferisce al come ed al perché il soggetto sia stato rappresentato in una certa maniera.
Si potrebbero, ad esempio, distinguere i seguenti generi:
1 - ritratti di carabinieri in divisa per memoria dei familiari o dei posteri;
2 - scene o figurini rappresentanti le divise dei militari per documentazione o propaganda;
3 - scene rappresentanti episodi specifici: a) di guerra; b) di azioni di polizia; c) notevoli o di valore ma non connessi in se all'essere carabinieri;
4 - scene di carattere generico rappresentanti episodi: a) di guerra; b) di azioni di polizia; c) notevoli o di valore ma non connessi in se all'essere carabinieri;
5 - paesaggi urbani o rurali con la presenza di carabinieri.

'Generale d'Armata Thaon di Revel di Sant'Andrea, primo 'Comandante Supremo' del Corpo dei Carabinieri ' (1814). Olio su tela, cm. 125x178, di Giorgio Olivetti (1908 - 1973). Proprietà del Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri, Roma.

Certamente si sarà notato subito che abbiamo distinto nettamente gli episodi di carattere specifico, realmente accaduti, da quelli di carattere generico, ma questi ultimi, abbondanti quanto i primi, sono concettualmente possibili solo se alla mente del fruitore dell'opera d'arte, di chi guarda, i Carabinieri sono presenti non solamente come immagine, ma anche come istituzione portante valori e caratterizzante la vita nazionale. In altre parole chi compera un quadro rappresentante genericamente dei carabinieri in azione considera l'Arma qualcosa di inscindibile dalla vita e dall'ambiente che gli è familiare; e questo, per la verità, è proprio di tutti gli Italiani.

Cercheremo, ora, di vedere alcuni esempi di opere d'arte figurativa scelti per lo più tra quelle esposte al Museo dell'Arma a Roma o proprietà del Comando Generale e prendendo in considerazione solo quadri per avere dei criteri uniformi di analisi.
Della prima categoria di classificazione da noi ipotizzata, che comprende tutti i ritratti di carabinieri, segnaliamo quello del Generale d'Armata Conte Giuseppe Alessandro Thaon di Revel di Sant'Andrea, primo Comandante Supremo del Regio Corpo dei Carabinieri.