Menu
Mostra menu

Arma bell'Arma

I soldatini
1814 - Carabiniere a piedi in uniforme estiva - Figurino dipinto da Vittorio Lucchetti1. Carabiniere a piedi in uniforme estiva, 1814

La prima uniforme del Corpo dei Carabinieri Reali venne stabilita con Determinazioni Sovrane del 9 agosto 1814 e prevedeva un abito (a falde corte foderate di rosso) di color turchino con paramani e colletto blu-celesti, entrambi adornati da alamari con fiocchetto di lana bianca. La cravatta di colore rosso fu sostituita nel 1815 con una nera bordata da una pistagna bianca.
Va comunque precisato che dai documenti d'epoca risulta che il collo era guarnito da un solo alamaro con fiocchetto per parte e che inoltre nel primo figurino ufficiale del 1814 non compaiono né cordelline né buffetterie o armamenti.
 
1815 - Carabiniere a cavallo in uniforme da fatica - Figurino dipinto da Emilio Rajani2. Carabiniere a cavallo in uniforme da fatica, 1815

Con questa uniforme, molto pratica, veniva portato il "bonetto" (che era una berretta precorritrice della moderna bustina) e gli charivary (copripantaloni rinforzati con pelle sulla parte interna e chiusi con bottoni sulla banda esterna). La giubba era corta senza falde né ornamenti. La cravatta rossa in quello stesso anno viene sostituita da una di colore nero.
 
1818 - Carabiniere in grande uniforme - Figurino dipinto da Marco Lucchetti3. Carabiniere in grande uniforme, 1818

Fra il 1817 e il 1818 sono introdotte le prime innovazioni alle uniformi dei Carabinieri. Nel figurino si possono notare il gallone d'argento con cui viene contornato il cappello e il pennacchio turchino, che erano previsti con la grande uniforme. Nel 1815, sulle falde rosse i bottoni erano stati sostituiti da granate, a simboleggiare il rango di élite accreditato al corpo. Il colletto e i paramani sono ancora di colore azzurro chiaro, guarniti da un singolo alamaro con fiocchetto.
 
1822 - Ufficiale in tenuta fuori servizio - Figurino dipinto da Vittorio Lucchetti4. Ufficiale in tenuta fuori servizio, 1822

Il 16 ottobre 1822 vede la luce il Regolamento generale del Corpo dei Carabinieri Reali, la prima regolamentazione esauriente che tratta anche dell'uniforme nella parte VI al capitolo II. Si notino gli alamari da ufficiale, ricamati in filo d'argento sul colletto e raffiguranti foglie di acanto, già in uso per i corpi appartenenti alla Casa Militare dei Savoia (ad esempio le Guardie del Corpo), e la coccarda azzurra, colore del casato regnante, tenuta dalla ganza.