CARABINIERI

Entra nella Stazione On-Line dei Carabinieri
Ministero della Difesa

Ferie non godute e ausiliaria

Chi scrive è un luogotenente dei Carabinieri collocato in congedo per raggiunti limiti d'età in data 25 ottobre 2002. Prima di essere congedato, stavo per partire in licenza ordinaria di 45 giorni, quando, per un improvviso malore, fui ricoverato presso l'Ospedale Civile di Roccadaspide. Dopo un breve periodo fui dimesso con 30 giorni di riposo e cure, convertiti in licenza di convalescenza dall'Autorità Sanitaria del mio Comando. Successivamente fui visitato dalla Commissione Medica Ospedaliera che, in data 17 dicembre 2002, mi ha giudicato non idoneo permanentemente al servizio militare incondizionato. Poiché non ho potuto godere della licenza ordinaria spettatemi, chiedo se ho diritto all'elargizione del corrispettivo in denaro. Inoltre, posso godere dell'indennità di ausiliaria? Faccio presente che il Capo Servizio Amministrativo del Comando Regione mi ha assicurato che mi spettano entrambi i suddetti benefici, ma a tutt'oggi tali diritti mi sono stati negati.

15/12/2004 , Richiedente: B.F. - Castel San Lorenzo (Sa)

In merito alla licenza ordinaria non potuta fruire concordiamo con quanto le è già stato comunicato dal Dirigente del Servizio Amministrativo del Comando Regione Carabinieri di Napoli. Per quanto riguarda l'indennità di ausiliaria, va precisato preliminarmente che detta indennità compete al personale che transita nella posizione di ausiliaria.

La legge 23 dicembre 1966, n. 662, dispone che il transito nella suddetta posizione di Stato avvenga esclusivamente per le cessazioni dal servizio per raggiunti limiti d'età, ovvero all'avvenuta prestazione di 40 anni di servizio effettivo. Inoltre tale norma subordina la corresponsione dell'indennità in argomento alla disponibilità di ciascun interessato all'impiego presso l'Amministrazione di appartenenza, ovvero presso altra Amministrazione Pubblica. Pertanto, per definire con certezza questo "diritto" è necessario valutare e verificare le succitate condizioni nella sua reale situazione amministrativa. In particolare occorre chiarire se il suo collocamento in congedo sia avvenuto per raggiunti limiti d'età, come lei afferma, oppure per riforma, considerato il giudizio di non idoneità al servizio militare incondizionato della Cmo (Commissione Medica Ospedaliera). (Domenico Benedetti - Il Carabiniere, Dicembre 2004)