Menu
Mostra menu

Accessibilità

Dichiarazione di accessibilità - Introduzione
 

“La potenza del web è la sua universalità.
L'accesso a chiunque indipendentemente dalla disabilità è un aspetto essenziale”.
(Tim Berners Lee)
 

Il portale istituzionale dell’Arma dei Carabinieri è stato progettato e sviluppato tenendo conto dei principi delineati nella Legge 4/2004 "Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici" (Legge Stanca) e successive modificazioni ed integrazioni e delle raccomandazioni sull'accessibilità fornite dal Consorzio mondiale per il Web ( W3C ) nell'ambito dell'iniziativa per rendere il web accessibile secondo il principio di universalità.

In particolare sono stati applicati i nuovi criteri internazionali delle WCAG 2.0 nel rispetto dei 12 requisiti da sottoporre alla verifica tecnica per la valutazione dell'accessibilità previsti dal Decreto 20 marzo 2013.

E’ stata effettuata la scelta di adottare l’ultima versione del linguaggio html (HTML 5), seppure ancora in fase di draft durante l'inizio della lavorazione del portale (diventato W3C Recommendation il 28 ottobre 2014), nell’ottica di rendere conforme alle nuove tecnologie il portale www.carabinieri.it in fase di restyling ed evitare ulteriori adeguamenti a breve termine ulteriormente onerosi per l’amministrazione. 

Il portale www.carabinieri.it è accessibile al netto della sezione esterna video.carabinieri.it e delle pubblicazioni editoriali multimediali che saranno oggetto di futuro restyling.

Rendere accessibile un sito Web non è un punto d'arrivo, ma un impegnativo percorso che coinvolge ogni momento della realizzazione, dal progetto alla manutenzione.


Specifiche tecniche

 

Criteri di conformità 

Affinché una pagina Web possa essere dichiarata conforme ai requisiti tecnici devono essere osservati i seguenti criteri:

  1. Totalità dei requisiti tecnici: tutti i requisiti tecnici di accessibilità, quando applicabili, devono essere soddisfatti;
  2. Pagine complete: la conformità va riferita ad intere pagine Web;
  3. Processi completi: quando un servizio è erogato mediante un processo che si sviluppa su più pagine Web allora tutte le pagine Web ad esso relative devono essere conformi, anche quando tali pagine si trovino su siti diversi;
  4. Utilizzo di sole tecnologie compatibili con l’accessibilità: le pagine, gli oggetti in esse contenuti e le applicazioni realizzate con tecnologie web devono essere realizzati con le tecnologie compatibili con l’accessibilità come definite in precedenza;
  5. Formato e contenuto dei documenti: tutti i documenti pubblicati necessari a fornire informazioni o a erogare servizi e tutti i materiali didattici e formativi devono essere resi disponibili in formati digitali utilizzabili con tecnologie compatibili con l’accessibilità come definite in precedenza e il loro contenuto deve essere conforme ai requisiti tecnici di accessibilità. 

 

Principi delle WCAG 2.0

I quattro principi delle WCAG 2.0 sono i seguenti:

  1. Percepibile - Le informazioni e i componenti dell'interfaccia utente devono essere presentati in modo che possano essere fruiti attraverso differenti canali sensoriali.
  2. Utilizzabile - I componenti dell’interfaccia utente e i comandi in essa contenuti devono essere utilizzabili senza ingiustificati disagi o vincoli per l’utente.
  3. Comprensibile – Gli utenti devono poter comprendere le modalità di funzionamento dell’interfaccia e le azioni in essa contenute necessarie per ottenere servizi e informazioni.
  4. Robusto - Il contenuto deve essere abbastanza robusto da poter essere interpretato in modo affidabile da una vasta gamma di programmi utilizzati dall’utente, comprese le tecnologie assistive.

 

Requisiti tecnici di accessibilità 

  1. Alternative testuali.
    Fornire alternative testuali per qualsiasi contenuto non di testo in modo che lo stesso contenuto possa essere trasformato in altre forme fruibili secondo le necessità degli utenti, come ad esempio stampa a caratteri ingranditi, Braille, sintesi vocale, simboli o altra modalità di rappresentazione del contenuto.
  2. Contenuti audio, contenuti video, animazioni.
    Fornire alternative testuali equivalenti per le informazioni veicolate da formati audio, formati video, formati contenenti immagini animate (animazioni), formati multisensoriali in genere.
  3. Adattabile.
    Creare contenuti che possano essere rappresentati in modalità differenti (ad esempio, con layout più semplici), senza perdita di informazioni o struttura.
  4. Distinguibile.
    Rendere più semplice agli utenti la visione e l'ascolto dei contenuti, separando i contenuti in primo piano dallo sfondo.
  5. Accessibile da tastiera.
    Rendere disponibili tutte le funzionalità anche tramite tastiera.
  6. Adeguata disponibilità di tempo.
    Fornire all’utente tempo sufficiente per leggere ed utilizzare i contenuti.
  7. Crisi epilettiche.
    Non sviluppare contenuti che possano causare crisi epilettiche.
  8. Navigabile.
    Fornire all'utente funzionalità di supporto per navigare, trovare contenuti e determinare la propria posizione nel sito e nelle pagine.
  9. Leggibile.
    Rendere leggibile e comprensibile il contenuto testuale.
  10. Prevedibile.
    Creare pagine Web che appaiano e che si comportino in maniera prevedibile.
  11. Assistenza nell'inserimento di dati e informazioni.
    Aiutare l’utente ad evitare gli errori ed agevolarlo nella loro correzione.
  12. Compatibile.
    Garantire la massima compatibilità con i programmi utente e con le tecnologie assistive.